⇨ Harley-Davidson Street Glide ⇦

Roma, una Harley-Davidson Street Glide Special
e una settimana di tempo per SPECIAL RACERizzarla!

Nessuna moto incarna lo spirito ed il sogno americano meglio di una Harley-Davidson. Magari una di quelle con quei motoroni da 1.700 cc, la seduta comoda, le borse laterali e la carenatura anteriore. Magari con tante di quelle cromature che ci perderesti le ore a studiare ogni singolo riflesso da un punto qualsiasi dell’iconico V-Twin incastonato nel telaio. Magari proprio una Street Glide Special, perché no…

FUORI CITTÀ.

Scegliere una Harley come questa Street Glide in versione Special significa concentrarsi subito sui lunghi viaggi. Non avendo a disposizione strade come la Route66 per attraversare l’America sulle note di Born to Be Wild (puoi ascoltarla mentre leggi l’articolo), ci siamo dovuti accontentare di un più canonico viaggio autostradale per saggiare le doti di questa divoratrice d’asfalto. Il primo impatto potrebbe incutere timore, con un peso a secco dichiarato di 356 kg, che salgono a 372 in ordine di marcia, siamo al cospetto di un qualcosa di ben lontano dall’essere un fuscello.

Ci si accomoda su una seduta perfettamente sagomata per accogliere il Rider, con le gambe leggermente protese in avanti e le braccia a stringere il manubrio dalle dimensioni generose, leggermente rialzato per aumentare il comfort di marcia. Davanti alla visiera si nota subito il tocco tecnologico dato dal display touchscreen che comanda le funzioni di navigazione ed infotainment, nonché il collegamento col telefono. Per non distrarsi, il sistema si può comandare con due joystick sui blocchetti al manubrio, mentre la strumentazione in stile automobilistico riporta i dati più importanti, compresa la carica della batteria, che su una moto del genere è di cruciale importanza.

Harley-DavidsonStreetGlide

Radio accesa e col volume a palla, casco, immancabile bubble, gilet e siamo pronti. La prima entra con un sonoro “clack”, mentre l’immenso 1.690 sotto al sedere modera le vibrazioni alla più piccola rotazione della manopola dell’acceleratore. Ci vuole qualche metro per familiarizzare col cambio a bilanciere, ma una volta entrati in confidenza non si potrà più smettere di ingranare la marcia superiore utilizzando il tacco, scongiurando tra l’altro il rischio di rovinare le scarpe.

Serve qualcosa in più di qualche metro, invece, per abituarsi a tenere le gambe più larghe di quanto non si farebbe normalmente, onde evitare di arrostirsi polpacci ed interno coscia. Poco male, fa parte del gioco. In ogni caso, seppur non saremo membri dei Sons of Anarchy, viaggiare in sesta col motore che ronza sornione e lo stereo perfettamente udibile, anche a velocità ben superiori a quelle autostradali consentite, è un vero piacere. Ah, e le borse laterali sono molto capienti, più di quanto si possa pensare… Libidine!

IN CITTÀ.

Quando abbiamo ritirato la nostra Street Glide al concessionario HD di Roma, dopo aver ammesso le nostre insicurezze dovute alla poca familiarità con un bestione del genere, l’addetto HD ci ha subito fermato assicurandoci che una volta in movimento sarebbe stata decisamente più agile di quanto potesse sembrare. Beh, dopo più di 600 km percorsi tra città ed autostrada dobbiamo ammettere che aveva proprio ragione. Ok, non è uno scooterone, ma è comunque mille mila volte più agile di quanto gli ingombri potrebbero lasciar presagire.

In un attimo ci si trova a divincolarsi nel traffico cittadino, il peso sembra svanire e, grazie anche alla generosa coppia di 138 Nm disponibile già a 3.500 giri al minuto, ci si leva d’intralcio in men che non si dica. A patto, naturalmente, di prendere bene le misure con le borse laterali. Per quanto più divertente ed assolutamente più dinamica di ogni previsione, usarla in città avrà uno spiacevole risvolto negativo. Con un serbatoio da soli 23 litri scarsi, l’autonomia potrebbe rivelarsi piuttosto risicata, soprattutto adottando uno stile di guida più consono ad una moto giapponese che ad una Harley. Questo motore non ama girare in alto, e lo fa capire succhiando benzina con la stessa rapidità di una Lamborghini lanciata a tutta velocità. Il rimedio è semplice, e seppur dai benefici limitati, tanto godurioso da far dimenticare il problema consumi.

Harley-DavidsonStreetGlide

Harley-DavidsonStreetGlide

Basta dimenticarsi della frizione. O meglio, piuttosto che stare lì a cambiare in continuazione per avere il motore sempre in tiro, meglio ingranare una o due marce in più del necessario e lasciare che sia lei a fare tutto il resto. Con un tiro ai bassi che farebbe invidia ad un rimorchiatore, è l’occasione giusta per godere del sound più puro che una Harley possa mai emettere. Quel borbottio classico di un V-Twin sotto coppia, usato ed abusato nei film americani… che goduria, assolutamente inimitabile. Sulle asperità classiche delle strade cittadine, l’assetto della Street Glide si rivela ben poco accondiscendente, con un posteriore piuttosto granitico che trasmette gli urti più secchi dritti alla spina dorsale, mentre l’anteriore è sì composto ma più morbido, tanto da assorbire bene qualsiasi sconnessione, annientando all’istante qualsiasi accenno di dondolamento innescatosi.

Esame passato a pieni voti per l’impianto frenante, che grazie alla componentistica Brembo sotto mentite spoglie permette di sfidare le leggi della fisica con decelerazioni al cardiopalma anche e soprattutto (a sorpresa) da parte del freno posteriore. Se la posizione di guida si era già rivelata eccellente nei lunghi viaggi, in città si può apprezzare ancor di più l’effetto contenitivo del piccolo schienale ricavato dalla gobba per il passeggero. Quest’ultimo, purtroppo, avrà ben poco a cui aggrapparsi, finendo spesso, soprattutto nelle accelerazioni più brusche, per scivolare sul parafango posteriore, complice anche la forma della sella in discesa. Con la comodità dell’accensione keyless e del blocchetto tuttofare, inoltre, questa Street Glide si trasforma in un’ottima compagna per la vita di tutti i giorni, anche se almeno all’inizio bisogna fare i conti con un cavalletto che sembra volerla far cadere a tutti i costi. Peccato solo per il posizionamento del pulsante per il clascon, piuttosto scomodo da raggiungere per chi è abituato a ben altre moto.

SPECIAL RACER CONSIGLIA.

Con un prezzo di listino che parte da 26.400 Euro per la versione base, ed una lista degli optional più lunga dello scontrino della spesa alcolica di capodanno, questa Street Glide non è una moto per tutti. Ci sentiamo di consigliarla? Sì, a patto di riuscire a convivere con un consumo piuttosto alto e con i continui sguardi dei passanti, sempre più che contenti di veder pascolare un bestione americano del genere. Non è solo per gli Harleysti più hardcore? Assolutamente no, e avendola usata addirittura per le strade del centro storico di Roma possiamo dirvi con certezza che, almeno in questo caso, le dimensioni non sono tutto, e sotto quell’imponenza si cela una moto ben disposta ad accompagnarvi anche nei più noiosi spostamenti quotidiani.

Certo, qui a Special Racer qualche ritocchino lo faremo volentieri, come ad esempio un assetto più basso, magari proprio rasoterra, borse più affusolate e magari riempite di adesivi in stile sticker bomb; delle manopole più accattivanti e, naturalmente, un nuovo impianto di scarico dal rumore assordante, magari accompagnato da un filtro dell’aria più libero. Non ci faremmo mancare un leggero ritocco alla centralina per tirare fuori qualche cavallo in più, come se già non ce ne fossero a sufficienza. Il colore? Naturalmente nera opaca, con dettagli rossi. Che caso, la nostra è già così!

GOOD & BAD.

⇧⇧⇧ MOTORE – Iconico, bellissimo da vedere e con una coppia smisurata.
⇧⇧ SOUND – Abbiamo già detto iconico? Assolutamente Made in USA.
⇧ COMFORT – Perfetta per i lunghi viaggi, si difende più che bene anche in città.

CONSUMI – Siate pronti ad incontrare il benzinaio più spesso di quanto avreste mai voluto.
⇩⇩ COMANDI – Soprattutto quello del clacson. Tanti, troppi pulsanti.
⇩⇩⇩ SEDUTA DEL PASSEGGERO – La forma della sella non aiuta, il malcapitato/a dovrà adattarsi.

SPECS.

✓ MOTORE >> 1.690 cc – Bicilindrico a V (Twin Cam 103) – air cooled – 6 speed 
✓ POTENZA >> ND cv @ ND giri/min
✓ COPPIA >> 138 Nm @ 3.500 giri/min
✓ PESO >> 356 kg (a secco) – 372 kg (in ordine di marcia)
✓ CAPIENZA SERBATOIO >> 22.7 litri
✓ PNEUMATICI >> Dunlop – ant. 130/60B19 61H & post. BW 180/65B16 81H
✓ PREZZO >> € 26.400Harley-DavidsonStreetGlide

Tutta questa tecnologia in prima battuta potrebbe stonare su una moto del genere. Ma siamo nel 2016 ed un display touch che comanda il sistema di infotainment ed il navigatore satellitare, su una Harley pensata per i viaggi, non ci fa storcere il naso neanche un po’.

Credit
Video editing by Alessandro Zonfrilli

COVERHARLEY

Special Thanks to
Dusty Wheels Racer | Facebook | InstagramCarhartt Duck Vest
Special Lab Motorcycle | Facebook | Instagram – Bandit Jet Star / Biltwell Bubble Shield

OutfitHarley-Davidson

Contact
Harley-Davidson | Facebook | Instagram

Ti è piaciuto questo Test Ride? Esprimi il tuo parere con un VOTO da 1 a 5, puoi farlo qui sotto.

http://www.specialracer.com/wp-content/uploads/2016/07/HD10-1024x683.jpghttp://www.specialracer.com/wp-content/uploads/2016/07/HD10-300x300.jpgLorenzo Catini#NEWBIKESBOBBERHARLEY-DAVIDSONHarley - Davidson,Harley-Davidson Street Glide,Street Glide,Test Ride
⇨ Harley-Davidson Street Glide ⇦ Roma, una Harley-Davidson Street Glide Special e una settimana di tempo per SPECIAL RACERizzarla! Nessuna moto incarna lo spirito ed il sogno americano meglio di una Harley-Davidson. Magari una di quelle con quei motoroni da 1.700 cc, la seduta comoda, le borse laterali e la carenatura anteriore....
Rating: 5.0. From 1 vote.
Please wait...